Sabato 27 Mag 2017 - ore 10.00

Biotestamento e Libertà di scelta

Circolo Artistico Politecnico 2° Piano

Piazza Trieste e Trento, 48 - Napoli

Scarica il programma Rassegna stampa

 

Nel 2017 Futuro Remoto torna ad aprirsi all’intera città di Napoli, a tutta la regione Campania, all’intero Paese, con ancora maggior forza. Come nelle ultime due edizioni, la manifestazione si terrà al centro – un centro anche simbolico – della città di Napoli: Piazza del Plebiscito.
Si vuole, così, ribadire che questa manifestazione è “la Festa della Scienza” dell’intera comunità scientifica napoletana e non solo. Nell'ambito della XXXI edizione dell'evento, dal titolo CONNESSIONI, il Sabato delle Idee ha organizzato un incontro sul tema del «fine vita», assai attuale, discusso e controverso, cui daranno il proprio contributo esperti di bioetica, scienziati, giuristi, attivisti.

SALUTI
Lucio d’Alessandro
Rettore dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa
Vincenzo Lipardi
Segretario Generale della Fondazione Idis-Città della Scienza
Gaetano Manfredi
Rettore dell'Università degli Studi di Napoli Federico II
Marco Salvatore
Direttore Scientifico IRCCS SDN Napoli

COORDINA
Alessandro Barbano
Direttore de «Il Mattino» di Napoli

INTERVENGONO
Raffaele Calabrò
Deputato della Repubblica – Componente Commissione Affari Sociali
Lorenzo d’Avack
Professore di Filosofia del diritto Università di Roma Tre - Presidente Comitato Nazionale per la Bioetica
Fulvio de Nigris
Direttore Centro Studi Ricerca sul Coma - Progetto "Casa dei Risvegli" Comune di Bologna - Gli amici di Luca
Filomena Gallo
Segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica
Stefano Giordani
Responsabile Oncologia Territoriale e Cure Palliative Azienda USL Bologna SUD
Geminello Preterossi
Professore di Filosofia del diritto e di Storia delle dottrine politiche Università di Salerno.

 

 

Comunicati stampa

Il cinema DI e DA Napoli

Al Suor Orsola “Il Sabato delle Idee” per una riflessione sulle nuove opportunità di sviluppo economico attorno al grande successo del cinema napoletano

Il cinema come risorsa per lo sviluppo economico della città. È l’obiettivo della riflessione promossa da “Il Sabato delle Idee” attorno al “Cinema Di e Da Napoli” che sarà il tema del prossimo appuntamento del pensatoio fondato dallo scienziato Marco Salvatore che mette insieme alcune delle eccellenze accademiche, culturali e scientifiche della città di Napoli.

 L’appuntamento è fissato per sabato 18 Novembre alle ore 10 nella Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa che con la Fondazione SDN ha dato il via nel 2009 alla rete di istituzioni che oggi sono unite ne “Il Sabato delle Idee”. Una scelta non causale quella del Suor Orsola per parlare del futuro e dei successi del cinema napoletano perché da due anni nella Torre della Comunicazione del Suor Orsola c’è la Scuola di Cinema e Televisione diretta dal produttore de “La grande bellezza” Nicola Giuliano, che sarà tra i grandi protagonisti dell’incontro del Sabato delle Idee promosso in collaborazione con AGIS Campania e proprio con il Master in Cinema e Televisione del Suor Orsola.

Ad aprire l’incontro, coordinato dal critico cinematografico Valerio Caprara, presidente del Consiglio di amministrazione della Film Commission della Regione Campania, ci saranno Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università Federico II di Napoli e il fondatore de “Il Sabato delle Idee” Marco Salvatore.

Con Nicola Giuliano prenderanno parte alla discussione Rosita Marchese, membro della Commissione cinematografia del MIBACT, Luigi Grispello, presidente della Fondazione Campania dei Festival, Marina Marzotto, presidente dell’Associazione Giovani Produttori Cinematografici e Indipendenti, Rosanna Romano, direttore generale per la cultura e il turismo della Regione Campania, i produttori Angelo Curti e Luciano Stella, i registi Francesco Martinotti e Gianfranco Pannone, e i professori Ugo di Tullio, docente di Organizzazione e legislazione dello spettacolo cinematografico all’Università di Pisa e Bruno Zambardino, docente di Economia dello spettacolo all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

“Il Sabato delle Idee – sottolinea Salvatore – si è posto tra i suoi obiettivi fondanti quello di esplorare le opportunità concrete aperte dalla cultura intesa come risorsa e questo incontro dedicato al cinema italiano, con attenzione particolare ai recenti successi, sul piano nazionale e internazionale, di quello che è stato definito il ‘cinema made in Napoli’, vuole provare ad individuare in particolare come si possano trasformare in occasioni di crescita culturale, socio-economica e lavorativa gli importanti interventi regionali legislativi a sostegno della produzione cinematografica e audiovisiva”.

Una vocazione alla produttività economica del cinema che è il tratto distintivo con cui è nata la Scuola di Cinema e Televisione del Suor Orsola dove, come evidenzia il Rettore d’Alessandro “la presenza di un Centro di Produzione cinematografica e televisiva e la creazione di una grande rete di sinergie con soggetti produttivi di rilievo nazionale e internazionale ha creato una vera e propria factory universitaria permanente di ideazione e di scrittura filmica e televisiva che in soli due anni ha portato ai nostri giovani migliori numerose occasioni di lavoro in importanti reti televisive nazionali (da Discovery Channel a Mediaset), in note produzioni televisive (da Forum a Le Iene) o in grandi produzioni cinematografiche come quella prevista per il nuovo film di Paolo Sorrentino”.

La grande rivoluzione del Biotestamento tra rigore scientifico e problemi etici

 

Il Sabato delle Idee promuove una riflessione sulle nuove norme in tema di fine vita nell’ambito di Futuro Remoto

Dopo la recente approvazione da parte della Camera dei Deputati della legge sul Biotestamento (“Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento sanitario”) “Il Sabato delle Idee” ha immediatamente promosso una prima occasione di dibattito pubblico sul tema. Un’iniziativa organizzata in collaborazione con la Città della Scienza, tra i partner storici del pensatoio napoletano fondato da Marco Salvatore, nell’ambito degli incontri della trentunesima edizione di “Futuro Remoto” anche con l’obiettivo di sottolineare la vocazione della manifestazione come vera e propria “Festa della Scienza” dell’intera comunità scientifica napoletana e non solo.

“Biotestamento e libertà di scelta” è il titolo dell’incontro che si svolgerà sabato 27 Maggio a partire dalle 10 al Circolo Artistico Politecnico di  Palazzo Zapata a Piazza Trieste e Trento accanto alla Piazza del Plebiscito animata in questi giorni e fino a domenica dagli incontri e dagli stand di “Futuro Remoto”

“Il tema del fine vita – spiega Marco Salvatore – è un tema quanto mai complesso e delicato, che deve essere affrontato contemperando l’aspetto medico scientifico e quello etico giuridico e ci è parso allora doveroso, in un momento in cui il Paese è chiamato a regolare finalmente un aspetto così importante della vita e della dignità delle persone, promuovere una riflessione a tutto campo nella quale si potessero confrontare idee e punti di vista diversi. Una riflessione che deve partire da un punto fermo: la convinzione che resti imprescindibile assicurare sempre la migliore assistenza possibile anche ai paziente in gravi condizioni sopperendo alle attuali carenze strutturali per queste esigenze specifiche e sostenere una ricerca scientifica sempre più avanzata con l’obiettivo di sconfiggere anche le malattie ad oggi più difficili da affrontare”

L’incontro sarà aperto dagli interventi di Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Vincenzo Lipardi, segretario generale della Fondazione Idis-Città della Scienza, Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e Marco Salvatore, direttore scientifico dell’IRCCS SDN.

Consenso informato, il possibile stop a nutrizione e idratazione artificiale, l’abbandono delle cure, il divieto di accanimento terapeutico, il sostegno psicologico al paziente e la Banca dati regionali saranno alcuni degli spunti della riflessione, coordinata dal direttore de “Il Mattino” Alessandro Barbano, alla quale prenderanno parte alcuni dei massimi esperti italiani dei temi di bioetica e proprio uno dei relatori della legge sul biotestamento, Raffaele Calabrò, membro della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati.

Con lui al tavolo dei relatori ci saranno Lorenzo d’Avack, professore di Filosofia del diritto all’Università di Roma Tre e presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica, Fulvio de Nigris, direttore del Centro Studi Ricerca sul coma di Bologna, Filomena Gallo, segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Stefano Giordani, responsabile Oncologia Territoriale e Cure Palliative dell’Azienda USL Bologna SUD e Geminello Preterossi, professore di Filosofia del diritto e di Storia delle dottrine politiche Università di Salerno.

Photo Gallery

Video